L’eredità di Manolo

Mi ricordo ancora il giorno in cui le cose senza senso cambiarono la mia vita. Prima erano accadute senza che io riuscissi a farmi domande intelligenti, ma quando hai vent’anni non è che puoi rimanere a guardare. Una mia cara amica perse i suoi due bimbi, o meglio, al quinto mese li partorì senza vita, e io iniziai a voler capire perché, se la vita è una sola, ci sono bambini che muoiono prima ancora di vedere la faccia della loro mamma.
Chi è che decide? E dall’alto di cosa? Una sola vita che alcuni riescono a vivere fino alla fine in modo pieno, e migliaia di bambini che muoiono come mosche?
No, mi sembrava troppo ingiusto, mi sembrava proprio un disegno stronzo, e sentirmi in balia di un progetto crudele o di un monarca sadico non era quello che io riuscivo a chiamare vita.
Poi ho imparato che i bambini che si perdono sono tantissimi: bambini cellula, quelli che hanno solo pochi giorni di vita; bambini palla, che sono un grumo di carne; bambini coccodrillo, quando nelle prime settimane hanno ancora la coda; bambini criceto, bambini topo e bambini finiti. Se ne perdono tantissimi, ma il numero non attutisce il dolore: sono quelli che tornano più volentieri da dove sono arrivati, ma ci lasciano sempre con una fitta nella pancia.
Proprio da qui ho avuto bisogno di trovare una storia diversa, più giusta, più uguale per tutti: la storia che ognuno di noi ha tante vite a disposizione, e che in ogni vita deve imparare una lezione (o donarla) per arrivare alla conoscenza, per arrivare alla liberazione.
E in giorni difficili come questi, dove tutta una città – sì, sempre la Piccola Città di C. – è ridotta al silenzio e allo sgomento da un ragazzo di 35 anni che in una notte di festa si rompe e muore, che la vecchia questione del “senso” delle cose torna a togliermi il fiato.
Manolo era sposato da poco col suo amore, un anno e spiccioli, e in trenta secondi (forse quaranta) stop, tutto finito. Una vita passata a costruire, cercare, crescere, e poi la felicità che finalmente stringi in pugno piena, corposa, densa, finisce risucchiata al centro della terra e tu rimani trasformata in una statua di sale senza che nessuno ti chieda neanche scusa.
Manolo e Silvia erano una coppia strepitosa, di quelle che lasciavano i luoghi dove passavano pieni di calore felice. Uno a un certo punto arriva a chiedersi perché: perché così, perché adesso.
E forse mi vien da dire che Manolo in questa vita doveva imparare a riconoscere l’amore, e ora che l’aveva fatto aveva esaurito il suo compito.
Grazie al cazzo, direte voi.
Però riconoscere l’amore, quello grande, quello forte, non è cosa da tutti: trovarlo e riconoscerlo, trattenerlo, celebrarlo, fermarlo, è cosa più rara di quel che si creda. Lui ce l’ha fatta, e non è sempre fortuna: ci vuole anche talento.
È così che la voglio pensare, perché altrimenti la vita fa schifo e vien voglia di schiantarsi contro il muro adesso, nemmeno il tempo di un ripensamento.
Tanto ci si ritrova sempre: sia voi che credete in una vita sola, sia noi che crediamo in molte vite e in molte possibilità, sappiamo che la riunione è inevitabile.
È solo un pensiero per non impazzire?
Può darsi. Ma chi rimane ha il compito di portare avanti un’eredità, che sia il più potente possibile.
E l’eredità di Manolo, nelle mani di Silvia e di tutti quelli che lo hanno amato, è al sicuro.

Annunci

16 thoughts on “L’eredità di Manolo

  1. Bellissimo Articolo,mia fatto piangere ma a lui vorrei donare il mio sorriso
    l’stesso ke lui dava a me…………………………….

  2. molto commovente……una cosa è certa allle persone ke lo hanno amato lascera’ un ricordo bellissimo di una persona stupenda!!!!!!!!!

  3. Ero lì ragazzi, sono ancora attonita, non riesco a pensare ad altro da quel dannato 31 Dicembre… Avevamo preparato una piccola tavola imbandita in sede, per fare festa anche noi volontari, ma nessuno parlava più. Alla moglie Silvia, ai famigliari ed agli amici, tutta la mia solidarietà. Annalisa

  4. L’anima e’ immortale ed e’ proprio lei che ci permette di vivere molte vite all’interno di diversi esseri…e’ altrettanto vero che,due anime gemelle come potevano essere Silvia e Manolo,sicuramente si potranno amare ancora per molte vite…Angelo.

  5. bellissime parole io ho avuto l’onore e ripeto l’onore di conoscerlo perchè era e sarà sempre un grande xchè sapeva godersi la vita era sempre sorridente e allegro se anche aveva problemi non li esternava aveva sempre un sorriso per tutti mi mancherà tantissimo ❤ voglio fare le mie + sentite condoglianze alla moglie non ho mai avuto il piacere di conoscerla ma gli sono vicina con il ❤

  6. Di Manolo ho un ricordo strano. Una sera, era estate. Me lo sono trovato davanti al Plaza un pò bevuto con un coca-avana in mano ed io ero nella stessa condizione. Forse è stupido, non so, però è stato divertente, abbiamo riso parecchio. Non eravamo ubriachi solo allegri. Di lui il ricordo è l’allegria un pò scanzonata come quella sera, mai triste o cupo. Questo pomeriggio quando stavo entrando in ospedale per un momento ho pensanto -ma guarda che ora esce da dietro l’angolo- con la sua aria un pò sorniona e mi dice “ve l’ho fatta a tutti”.
    Ma non è stato così.

  7. Io, come tantissimi, ho avuto la fortuna di conoscerti.
    Credo fortemente che non abbiamo una sola vita, che potremo essere in altri corpi, ma la nostra anima rimarrà la stessa.
    Nolo, se così fosse… fai in modo che ti possiamo riconoscere, con un gesto o semplicemente con il sorriso, particolare che ti ha reso SPECIALE!!! Mancherai a Tutti perchè tutti ti hanno VOLUTO BENE!!!!!

  8. Le parole non servono, le parole non bastano, le parole sono sempre tra le palle, o non ci sono quando occorrono. Noi che di parole viviamo ci rendiamo conto di che povera cosa esse siano di fronte alla morte, alla vita, ai bambini perduti di 0 e di 35 anni. Io mi auguro solo che loro, che hanno varcato la soglia, siano già atterrati in un mondo senza i nostri limiti e le nostre penose sovrastrutture e fatiche, che siano felici e mai più debbano soffrire chiedendosi “Cos’è la vita, cos’è la morte”.

  9. Pingback: Le combattenti « Elenatorresani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...