Schiave Radiose

Mercoledì 25 aprile la mia strada verso il Festival del Giornalismo di Perugia è stata tutta su rotaia, e con qualcosa di importante tra le mani. Dopo aver visto il documentario “Il corpo delle donne” di Lorella Zanardo, mi mancava infatti il libro, che aspettava nella libreria il mio momento giusto: perché le parole consapevoli e le azioni che ne seguono hanno spesso bisogno di un momento giusto.
L’invito ad indossare nuovi occhi che la Zanardo muove a noi, Schiave Radiose, prosciutti in esposizione, spettatrici dall’immaginario colonizzato, è talmente doloroso da non potere essere ignorato.


Arrivo da 8 mesi di lettura e scrittura dedicata esclusivamente al femminile, e con Lorella in tasca il primo incontro a cui mi presento a Perugia è “Donne e media”, con Loredana Lipperini, Giovanna Cosenza, Natascha Fioretti, Cristina Sivieri Tagliabue e Jane Martinson del Guardian: dove si ribadisce che le giornaliste in Rai sono il 33,7%, le donne dirigenti solo il 4%, e che quando una donna viene chiamata a dire la sua solo nel 10% dei casi viene interpellata in quanto opinionista autorevole.

Se le donne intervengono in qualità di esperte, lo sono soprattutto su argomenti come l’astrologia (20,7%), la natura (13,8%), l’artigianato (13,8%) e la letteratura (10,3%).” (Il corpo delle donne)

Vi invito a guardarvi il video dell’incontro, che inizia con lo schiaffo di un servizio del TG1 dedicato all’apertura di Sanremo che la dice lunga sull’immagine degradante e cretina che viene data delle donne oggi in TV (questo “oggi” è da leggersi come “negli ultimi 30 anni”).

Ma c’è un’osservazione in particolare che mi preme fare.


Quando Jane Martinson racconta – intorno al minuto 60 – della differenziazione di genere tra i giocattoli destinati ai bambini, e dell’ambizione della sua figlia femmina di diventare “principessa” mentre il suo figlio maschio sognava di diventare “presidente”, mi sono ricordata di quando avevo scritto di Barbie o della mostra terrificante dedicata ai giochi per l’infanzia che avevo visitato a Parigi: in quell’occasione TUTTE le lettrici intervenute a commentare il link su Facebook, lo avevano fatto per minimizzare la forza discriminante di certe scelte di marketing che sembravano loro del tutto naturali. Nei commenti, tra l’altro, c’era una sorta di tono canzonatorio: non solo rifiutavano lo spunto di riflessione con sufficienza, ma sorridevano di fronte all’ipotesi che la discriminazione di genere potesse partire da lì.
E non vi dico il putiferio scatenato dal mio post dedicato al “Week-end donna”, nel quale criticavo il fatto che secondo le organizzatrici dell’evento le donne fossero solo taglio, cucito e padelle: cosa c’era di male nello sferruzzare o nel decorare torte, in fondo? Niente, in realtà, se il modello del femminile presentato non fosse stato esclusivamente quello.

Mi è stato detto: “Dai Torre, non abbiamo più bisogno di bruciare i reggiseni in piazza!
Ed eccolo ancora qui, il maledetto stereotipo delle femministe, questa categoria di donne patetiche, brutte, baffute, sesso-represse e incazzate. Quanto durerà questo enorme fraintendimento storico?
Quanti libri dovrà scrivere Caitlin Moran per farci sorridere e riflettere in modo sereno sull’argomento?
E ancora, in un altro commento: “Tutte queste donne discriminate io non le conosco

Se la consapevolezza tra le donne di buona cultura come quelle intervenute a commentare i miei articoli è questa, abbiamo speranze?

Annunci

6 thoughts on “Schiave Radiose

  1. Per precisione e correttezza di informazione volevo ricordare che il panel è stato organizzato, nell’ambito del Festival del Giornalismo da Associazione Pulitzer, di cui Natascha Fioretti è la responsabile Pari Opportunità.
    Per chi non avesse potuto seguire e si trova a Torino o in Piemonte, il 5 Maggio, a Torino presso il circolo dei lettori vi sarà un nuovo incontro “Donne e Media”: http://www.associazionepulitzer.it/417/events/donne-e-media-torino-5-maggio-2012

    • Grazie Antonio, il post (cliccando sulle parole “DONNE E MEDIA”) rimanda alla pagina del Festival dove è specificato che il panel è stato organizzato dall’Associazione Pulitzer e dove è possibile reperire le informazioni sulle relatrici, Natascha Fioretti inclusa: per questa ragione nel post non è stato ribadito.
      In ogni caso grazie per l’informazione sull’incontro del 5 maggio a Torino: forse riesco a venire. Panel di questo tipo dovrebbero tenere regolarmente vivo il dibattito sul territorio, l’argomento è troppo importante.

  2. concordo Elena; e per rispondere alla tua domanda, se abbiamo speranze, mi vien da dire di no, per il momento. nel mio piccolo, in quanto mamma di due bimbe, future donne, io ci provo a seminare bene… ma è davvero dura lottare con tutto ciò che è fuori

  3. Già il vero problema è che non ci difendiamo nemmeno tra di noi.
    Ieri. Son seduta muta e con l’aria tranquilla di fianco a due donne tra i 30 e i 40 che parlano di quanto sia complicato gestire una casa (gestire per loro è spolverare e lavare), guardano me e dicono che la mia casa va benissimo dato che ci abitiamo solo in due (io e lui niente figli, e già quel niente figli infastidisce). Mi guardano sorridendo dicendomi “Hai meno da pulire, sei fortunata!”.
    Sorvolando sul complimento che mi sembra nascondere un “sei una sfigata perché non hai figli e vivi in una casetta di 3 cmq” , io mi sono subito incavolata su quel HAI DA PULIRE TU E SOLO TU.
    E non è la prima volta che sento parlare di “compiti che sono e devono essere femminili”, perciò le donne discriminate ci sono e sono parecchie, ma non so perché facciano finta di niente e non si incavolino con i loro mariti, amanti ecc. che le trattano da cretine. Possibile che una casa con annessi figli, giardino, cane e tartaruga valgano tanto?

    • Valgono tantissimo, Ombretta. Per molte persone valgono più della felicità. Ma la cosa grave è appunto il non riconoscere nemmeno lo stereotipo, il pensare davvero che sia giusto così (e non semplicemente che non è giusto ma che non c’è nulla da fare). Per questo il primo lavoro va fatto su noi stesse, prima ancora che sugli uomini.

  4. Pingback: Mutande blu, reggiseno bianco. « Elenatorresani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...