450 Euro al mese? E la vergogna?

Ogni mattina ricevo da Infojobs la newsletter sulle posizioni di lavoro aperte nella mia zona: elenco sconfortante per quantità, tipologia, retribuzione, contratto.
Ma stamattina 450 Euro al mese mi hanno dato uno schiaffo:

Giornata full-time.

In questi casi vale la pena di investire una settantina di secondi per mandare un’e-mail, per chiedere almeno se non hanno un po’ di vergogna:

Se volete, l’indirizzo è: info@s5lab.com

AGGIORNAMENTO ORE 12.30: a quanto pare c’è stato un errore nell’inserimento dell’annuncio. L’errore di inserimento – ad opera dell’azienda stessa e non di infojobs – riguarda tre dati:

– l’orario (manca “oppure”)

– tipologia di giornata (“pt” invece che “completa”)

– contratto (“stage” invece che “progetto”)

Un po’ distratti, non c’è che dire. Ora aspettiamo la correzione dell’annuncio, ma il mio pensiero va a tutte quelle persone che si erano candidate anche di fronte ad un full-time a 450.00 Euro, perchè rappresentano un vero allarme.

 

AGGIORNAMENTO ORE 20.00: l’offerta è ancora on-line, ma non si accettano più candidature. Questo significa che la selezione avverrà tra quella cinquantina di candidati che avevano inviato il curriculum secondo le condizioni di 450 Euro per un full-time?

Annunci

46 thoughts on “450 Euro al mese? E la vergogna?

  1. uahhhh ah ah grande! hai fatto bene anzi dopo scrivo anch’io.
    comunque ricordo anni fa che mi hanno proposto un full full time specificato due volte per 300 euro al mese !!!! e io ho risposto “guardi se vuole vengo gratis cosi fa prima” e ho messo giu’ il telefono!

  2. Pingback: “Vuoi lavorare? Ti do 450 euro al mese”

  3. Davvero non mi stupisce. Conosco Infojobs e l’uso che le aziende ne fanno. La dicitura “stagista/tirocinante” alla voce “livello” è vista pacificamente come un’autorizzazione al più bieco sottosalariato. Le ore di lavoro vanno spesso oltre le otto ore quotidiane; € 450 non è neppure il peggiore degli scenari, anzi. Altri, più furbi ma non meno spietati, per rendere meno avvilente l’annuncio, segnalano una fascia salariale (minimo/massimo) per poi rivelare, in sede di colloquio, che la retribuzione corrisponde al minimo segnalato.

    Siamo a uno stadio ben peggiore di quanto sembri: siamo al punto in cui rifiutare offerte del genere è da presuntuosi e viziati.

    • Antonio, infatti l’offerta questa mattina aveva già più di 50 candidati, ora non so. Purtroppo siamo talmente messi male che ci fiondiamo anche su queste opportunità. Per questo nella mia e-mail ho chiesto se non si vergognano di approfittare della disperazione della gente a questo modo….

  4. Eppure nonostante la nebbia mattutina mi ero alzata con una certa “carica” e invece… come dici tu Elena è tutto REGOLARE. è spaventoso

  5. ops, adesso la posizione non è più visibile utilizzando il motore di ricerca interno del sito e un messaggio dice che non accettano più candidature…chissà, avranno ricevuto così tante email di VERGOGNA da indurli a sospendere le candidature ….

  6. Ciao, ho seguito il vostro esempio (grazie per la segnalazione!), ho scritto alla società in questione e questa è stata la loro risposta:

    Buongiorno,

    grazie della sua segnalazione.

    Volevamo solo specificare che c’è stato un errore nell’inserimento dell’annuncio che in realtà doveva essere relativo alla SOLA mezza giornata quindi o dalle 9-13 o dalle 14-18 e riguardava una situazione di stage.

    Purtroppo la persona che ha inserito l’annuncio ha commesso un errore.

    La nostra società, pur piccola, si è sempre contraddistinta per la correttezza, anche in momenti così difficili di mercato.

    Mi dispiace solo che per un errore nell’inserimento si sia verificata una spiacevole situazione.

    La ringrazio molto per la sua segnalazione nella speranza di aver chiarito.

    Buona giornata

    S5 lab

    Ci crediamo? 🙂

  7. E’ così che si fa! Bisogna reagire. Se ad ogni presa in giro mascherata da offerta di lavoro si rispondesse così allora penso che un minimo le cose cambierebbero. Basta farci prendere pe i fondelli!
    Grande Elena!

  8. Accidenti, a me è sempre andata bene. Anche quando ero un cococo non sono mai andato al di sotto degli 800 euro meno le spese. Adesso che vivo nell’olimpo dei posti fissi mi domando per quanto potrà durare.

  9. pensa tu che io sto lavorando 32 h la settimana x 500 miseri euro, x un lavoro che non è neanche riconosciuto come tale! il tipico lavoro-stage che in italia va avanti con furore,lascia terra bruciata come napoleone in russia, senza guardare in faccia nessuno. il problema è che io, come tante altre persone se non mi fossi manco appigliata a questo misero straccio di lavoro sarei annegata. è tutto così profondamente triste…!

  10. Certo, corregge un annuncio è facile quanto ri-corregerlo una volta che il candidato si trova davanti ai suoi “datori di schiavitù”. Condivido il pensiero a chi, quell’annuncio, l’ha preso anche così com’è. Mi viene da piangere.

  11. La situazione e allarmante telefonai tempo fa ad un annuncio come addetto merce e mi chiesero se fossi italiano…risposi si perche??..assumiamo solo stranieri…ecco come finirà..ci stanno portando alla guerra dei poveri..

  12. Non mi stupisco più di tanto. Per conoscenza ti invio una considerazione sulla Aspi (la futura normativa di “protezione” per noi lavoratori in mobilità) che se passa così come è stata concepita si sarà obbligati a lavorare anche per meno.
    RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL DISEGNO DI LEGGE MONTI – FORNERO

    L’ASPI, LA NUOVA INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE

    L’Assicurazione sociale per l’impiego (AspI) è il nuovo ammortizzatore sociale. Parte subito, ma la piena applicazione sarà solo dal 2017, e fino ad allora funzioneranno ancora le diverse tipologie di cassa integrazione e la mobilità. Sarà finanziata da un costo dai lavoratori a tempo indeterminato, dai fondi della Cig in deroga, e da un aumento dei contributi su tutti i contratti a termine, per i quali questo onere contributivo non è accompagnato da un tetto minimo salariale, e quindi il rischio è che certi (im)prenditori, per pagare la tassa, finiscano per ridurre lo stipendio ai lavoratori precari, caricando sulle loro spalle i maggiori costi imposti dalla riforma. Per usufruire dell’ ASpI bisogna avere almeno due anni di anzianità assicurativa e 52 settimane di lavoro nell’ultimo biennio.

    L’IMPORTO EROGATO È SCARSO E NON RISPONDE AL REQUISITO MINIMO CHIESTO DAL PARLAMENTO EUROPEO

    L’importo stanziato sarà pari al 75% della retribuzione fino a 1.150 euro e al 25% oltre questa soglia, per un tetto massimo di 1.119 euro lordi al mese. L’assegno verrà tagliato del 15% dopo i primi sei mesi e di un altro 15% dopo il semestre successivo. È un importo che non risponde al requisito che, secondo il Parlamento Europeo, dovrebbe essere quello di garantire una vita dignitosa al lavoratore che ha perso il suo impiego ed alla sua famiglia, cioè non dovrebbe essere inferiore al 60% del reddito mediano dello Stato membro interessato (come da punto 15 della risoluzione). E il 60% del reddito mediano mensile netto italiano è pari a 1.227 euro (dato di partenza di fonte Istat). Pertanto chi si ritrova licenziato avrà un assegno di disoccupazione previsto dall’ASpI pari a 7mila euro all’anno, ed oltretutto sottoposto a continui ribassi (-15% dopo i primi sei mesi, ulteriore ribasso del 15% dopo il secondo semestre): un importo che non garantisce alcuna copertura rispetto al rischio di caduta in povertà legato alla perdita del lavoro. Monti, che spesso si vanta di essere un uomo dell’Europa dovrebbe anche rispettare le decisioni ufficiali delle istituzioni europee, quelle – loro sì- democraticamente elette.

    L’ASPI RIDUCE LA DURATA DELLE PROTEZIONI

    Se fino ad ora si poteva contare su 2 anni di Cassa integrazione straordinaria, dopo i quali scattava la mobilità (2 anni per gli under 50, e 3 per gli over, o 4 anni per gli over 50 del Sud), cioè in totale una protezione dai 2 ai 6 anni, invece dopo il “periodo di transizione” della riforma, cioè dal 2017 quando spariranno la mobilità e la Cassa straordinaria, resterà soltanto 1 misero anno, massimo 1 anno e mezzo per gli anziani, dopo il quale c’è l’inferno della disoccupazione. E per di più il lavoratore che esce dal mercato del lavoro, perderà il vantaggio alla ricollocazione, che prima era assicurato dall’iscrizione nelle liste di mobilità. Dove si collocheranno le lavoratrici e i lavoratori espulsi dai luoghi di lavoro, senza tutele, e lontanissimi dall’accesso alla pensione a causa dell’allungamento abnorme dell’età pensionabile contenuto nella riforma Fornero del dicembre 2011?

    ALTRE CONSIDERAZIONI:

    1) l’art 62 prevede che il lavoratore decada da ogni trattamento qualora “non accetti una offerta di un lavoro inquadrato in un livello retributivo non inferiore del 20 per cento rispetto all’importo lordo dell’indennità (non della retribuzione!) cui ha diritto”. Ma (art. 24) l’importo lordo dell’indennità, come abbiamo visto, è pari al 75% della retribuzione, a cui si applica una ulteriore “riduzione del 15% dopo i primi sei mesi di fruizione” e una ulteriore “del 15% dopo il dodicesimo mese di fruizione”. Insomma un lavoratore licenziato che percepiva 1.000 euro decadrà dal trattamento qualora non accetterà un impiego per una retribuzione pari a €.433 lordi (!), e ciò del tutto a prescindere da che tipo di attività si tratti e con quale orario, purché il posto di lavoro sia “raggiungibile mediamente in 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici” che con il ritorno a casa fanno 160 minuti e cioè 3 ore solo di viaggio giornaliero casa/lavoro per poco più di 300 euro netti al mese. Ogni commento è superfluo.

    2) l’ASpI è una forma di sussistenza privatistica con la quale la tutela dalla disoccupazione comincia a passare dalla fiscalità generale ad una forma di sussistenza stipulata tra impresa e singolo dipendente. Dunque la disoccupazione perde la sua valenza di problema sociale per diventare un fatto individuale, una specie di disgrazia personale di chi ci incorre.

    3) oggi i lavoratori hanno materialmente più possibilità di riavere presto il loro posto di lavoro, avendo il diritto di prelazione, che dura 6 mesi per i lavoratori in mobilità, e stabilisce che se l’azienda vuole assumere nuovi lavoratori deve dare la precedenza ai propri ex dipendenti ancora iscritti alle liste di mobilità che nel frattempo non abbiano trovato un altro lavoro. Ma la riforma cancella la mobilità alla fine del 2016.

    4) oggi i lavoratori hanno un’attitudine allo stare insieme per cercare di riavere una collocazione o dall’azienda o dalle istituzioni, come accaduto molte volte. Invece, con la riforma Fornero, una volta perso il posto, i lavoratori saranno tutti meno tutelati, molto più isolati e con la paura costante di non trovare più un lavoro.

    5) La riforma degli ammortizzatori sociali cancella dopo il 2016 anche la Cassa in deroga, introdotta nel 2009 al fine di estendere i sussidi alle piccole imprese e ai settori finora esclusi dalla Cassa.

    6) Cancellando la Cassa straordinaria (Cigs) si toglie anche la possibilità di restituzione delle quote di accantonamento del Tfr maturato in costanza di Cigs qualora il lavoratore cessi dal rapporto di lavoro prima della ripresa lavorativa.

    7) Nella valutazione dei requisiti d’accesso all’ASpI andrebbero conteggiate e sommate alle attività di lavoro subordinato anche le settimane per le quali sia stata versata contribuzione destinata a gestioni diverse da quella dei lavoratori dipendenti, al fine di aumentare l’inclusività dell’istituto che, per come e’ presentato nel testo, non risponde alle diverse forme del lavoro precario.

    LA MINI-ASPI

    È riservata ai lavoratori subordinati che abbiano almeno 13 settimane di contribuzione negli ultimi 12 mesi, e dura la metà dei mesi per cui si hanno i contributi, al massimo per sei mesi. A conti fatti la mini-ASpI è più generosa del trattamento attuale: per una retribuzione media di 9.855 euro l’anno (quella di un precario), chi ha lavorato 3 mesi prenderà 926 euro in tutto (contro i 731 di oggi), e chi ha lavorato un anno raddoppierà l’assegno (3.700 euro in tutto contro 1.800). Il calcolo è lo stesso previsto per l’AspI.
    1) La mini-ASpI non amplia la platea dei protetti, ma sostiene chi oggi ha già un ombrello
    2) la mini ASpI resta comunque nel complesso poco generosa, tanto da essere quasi ininfluente per chi è senza lavoro e ha bisogno di un sostegno al reddito.
    3) bisogna ottenere che per la mini ASpI l’unico requisito per la fruizione debba essere la contribuzione di 13 settimane senza altre aggiunte, e che il calcolo dell’istituto debba essere allungato rispetto all’attuale metà delle settimane su cui sia stata versata contribuzione, per non produrre un taglio rispetto al valore dell’indennità di disoccupazione con requisiti ridotti.

    ASPI ZERO
    L’ASpI non determina una reale universalità nel sostegno al reddito, come invece aveva promesso Monti nel suo discorso di novembre alla risoluzione del Parlamento Europeo. Questa riforma infatti non estende gli ammortizzatori a chi non abbia due anni di anzianità assicurativa e versato almeno 52 settimane di contributi, cioè le giovani generazioni del lavoro discontinuo e i giovani disoccupati che non trovano il primo lavoro. Non è prevista nessuna tutela per co.co.pro., collaborazioni occasionali, a chiamata, assegnisti di ricerca: si tratta di 945.141 lavoratori precari, di cui più della metà sono co. co. pro (675.883), cui si aggiungono 52.459 associati in partecipazione, 54.210 co.co.co. statali, 49.179 dottorandi e assegnisti di ricerca, 24 mila venditori porta a porta, 27 mila “collaboratori” generici, 8.913 occasionali (Dati Isfol 2010). A questi vanno aggiunte tutte le finte partite IVA. Siamo quindi ben lontani da un ammortizzatore universale degno di questo nome, o da un reddito di cittadinanza, in procinto di essere invece attuato in Europa.

    FONDO SOLIDARIETA’ PER SETTORI NON COPERTI DA CASSA INTEGRAZIONE:

    Entro il 2013 per le aziende con più di 15 dipendenti arriva un Fondo di solidarietà presso l’Inps, che andrà a sostituire parzialmente l’eliminazione della cassa integrazione in deroga, della cig straordinaria e della mobilità. La contribuzione dovrà essere a carico del datore di lavoro (2/3) e del lavoratore (1/3) e ci sarà l’obbligo di bilancio in pareggio dell’ente erogatore. Al finanziamento potrà concorrere anche lo 0,30% attualmente versato ai fondi per la formazione.

    1) i fondi pur essendo privi di personalità giuridica ed essendo definiti come “gestioni dell’Inps” si pongono come evidente transizione verso un modello che ha l’obiettivo di trasferire parti crescenti del welfare dalla garanzia e gestione pubblica a quella della bilateralità fra imprese e sindacati, privatizzando di fatto il welfare e cambiando quindi il ruolo delle organizzazioni sindacali.

    2) L’abolizione della cassa in deroga e straordinaria non diventa occasione per istituire strumenti a carico della fiscalità generale, contributi pubblici a sostegno al reddito come per esempio il reddito sociale minimo, attualmente in discussione in Europa. Il reddito sociale minimo garantirebbe l’autonomia e la libertà di scelta, toglierebbe dalla ricattabilità del lavoro nero e dello schiavismo, permetterebbe a una generazione di compiere scelte non dettate dalla condizione economica della propria famiglia e di avviare un percorso di crescita formativa, professionale e di vita con una minima rete di protezione sociale.

    3) i fondi configurano tutele diverse a secondo dei settori e non garantiscono le tutele per le lavoratrici e i lavoratori delle imprese con meno di 15 addetti, essendo obbligatori solo al di sopra di tale soglia.

    IL CONTRIBUTO DI LICENZIAMENTO

    Dal 2013 il datore di lavoro all’atto del licenziamento per i rapporti a tempo indeterminato e per gli apprendisti, dovrà versare all’Inps mezza mensilità ogni 12 mensilità di anzianità aziendale negli ultimi tre anni. Questa novità è probabilmente proposta a seguito della revisione dell’articolo 18 che renderà più facili i licenziamenti. Il contributo di licenziamento sostituirà i contributi oggi versati dalle aziende per la disoccupazione e la mobilità. Il lavoratore riceverebbe invece un indennizzo economico proporzionale all’anzianità di servizio deciso dal Giudice o da un arbitro scelto tra le parti. Il governo dovrebbe però rafforzare le tutele per i lavoratori delle aziende con meno di 15 dipendenti, oggi escluse dall’articolo 18.

    TUTELA DELLA LAVORATRICE MADRE

    Nella riforma del mercato del lavoro c’é la norma contro le dimissioni in bianco, un turpe strumento spesso utilizzato da certi (im)prenditori a discapito delle lavoratrici perché non restino incinta. Si estende fino a tre anni di vita del bambino il “periodo di rafforzamento”, cioè il periodo in cui le dimissioni della lavoratrice madre o del lavoratore padre devono essere convalidate dal Ministero Del Lavoro.

    1) con le previsioni contenute nel ddl la burocratizzazione è aumentata ed è tutta a
    carico della lavoratrice, che comunque sarà ricattabile con la procedura prevista,
    cioè l’obbligo, per la convalida delle dimissioni, della firma. Infatti la semplice apposizione di firma da parte del lavoratore in calce alla comunicazione del datore di lavoro di cessazione del rapporto per dimissioni volontarie o risoluzione
    consensuale non è sufficiente a scongiurare la pratica delle dimissioni in bianco. A garanzia di chi lavora andrebbe esplicitato che il Ministero possa verificare, contestualmente all’invio della comunicazione, le modalità di data e veridicità delle dimissioni.

    2) se il lavoratore non firma la dichiarazione di dimissioni evidentemente non vi è la volontà, e pertanto il rapporto di lavoro non può considerarsi “risolto”, con una penalizzazione per il lavoratore che manifesta l’abuso con la non sottoscrizione della comunicazione di risoluzione.

    3) va chiarito che la non sospensione della prestazione di lavoro da parte della lavoratrice o lavoratore che non hanno sottoscritto la comunicazione di risoluzione o dimissioni rende nullo l’effetto sospensivo e comporta l’automaticità della comminazione di pena per la falsa dichiarazione al datore di lavoro

    4) andrebbe chiarito che non solo le dimissioni o risoluzione sono prive di effetto ma nel periodo pregresso non agisce l’effetto sospensivo

    5) il reato per falsa dichiarazione di dimissioni volontarie o risoluzione consensuale va assimilato al licenziamento illegittimo con le relative conseguenze, e l’ammenda sanzionatoria va chiarito che è aggiuntiva. Altrimenti la falsa dichiarazione che maschera un tentato licenziamento sarebbe punita con una penalizzazione inferiore a quella prevista per analogo illecito: in un caso infatti avremmo la semplice ammenda e sospensione della risoluzione nell’altro indennizzo e reintegro. La progressività dell’ammenda a discrezionalità della Direzione territoriale del lavoro non è giustificabile dal momento che il reato/abuso commesso è il medesimo.

    6) le sanzioni attualmente previste, da 5 a 30 mila euro, sono ancora troppo basse, e le organizzazioni sindacali hanno chiesto che siano raddoppiate, oppure che si preveda la disciplina del licenziamento discriminatorio

    Si intendono poi favorire le varie forme di baby-sitting, prevedendo l’introduzione di voucher di cui la lavoratrice madre potrà usufruire in alternativa al facoltativo periodo di maternità.

    1) questa “riforma” ha l’evidente obiettivo di spingere le donne lavoratrici a tornare subito al lavoro, ottenendo “in cambio” per 11 mesi dei voucher per la baby-sitter

    2) I voucher comunque non compensano la carenza di servizi pubblici.

    3) il testo è un passo indietro rispetto a tanti disegni di legge presentati in Parlamento e agli standard europei.

    4) va cancellato il riferimento all’ISEE come indicatore della determinazione del numero e dell’importo dei voucher o servizi corrispettivi poiché attualmente la fruibilità del congedo parentale è un diritto universale che verrebbe sostituito da un’opportunità legata al reddito

    5) I lavoratori iscritti alla gestione separata già pagano un contributo dello 0,72% per le prestazioni sociali (maternità, assegni familiari e malattia): sono fondi che ad oggi rimangono parzialmente inutilizzati. I requisiti per l’accesso a tali prestazioni devono dunque essere allargati e il trattamento deve essere uniformato a quanto previsto per i lavoratori dipendenti.

    TUTELA DEI LAVORATORI PADRI

    E’ reso obbligatorio il congedo di paternità, da utilizzare fino al compimenti dei 5 mesi di età del bambino, per un massimo di 3 giorni continuativi.

    1) Difficile pensare che un tempo così limitato (3 giorni) favorisca «una cultura di maggiore condivisione dei compiti di cura dei figli all’interno della coppia» come afferma la riforma. L’Europa chiede almeno due settimane di congedo obbligatorio per i neopadri, dunque i giorni di congedo paternale obbligatorio andrebbero
    portati almeno a dieci in aggiunta al congedo obbligatorio maternale, in linea con altri
    paesi europei.

    2) già oggi molti contratti prevedono periodi superiori ai tre giorni per congedo paternale e quindi bisognerebbe specificare che sono aggiuntivi ai periodi già previsti dai CCNL.

    TUTELA DEI DISABILI

    Circa i soggetti disabili, al fine di favorirne l’integrazione nel mercato del lavoro, è previsto l’aumento del numero in rapporto ai lavoratori totali, ma sul punto il progetto di riforma è molto vago e poco preciso.

    TUTELA DEI MIGRANTI

    Rigurado ai lavoratori migranti, si prevede un aumento del tempo di disoccupazione necessario prima della perdita del permesso di soggiorno.

    PENALIZZAZIONI PER I LAVORATORI AGRICOLI

    Le misure contenute nel ddl lavoro mirano ad annullare i diritti previdenziali, assistenziali e contrattuali dei lavoratori agricoli e più in generale del lavoro stagionale. L’art. 11 estende l’uso dei voucher -da incassare alla Posta- a tutto il lavoro stagionale nel settore agricolo cosicché esso verrebbe considerato ‘meramente occasionale’ e i braccianti si ritroverebbero senza un contratto, senza un salario di qualifica e senza le tutele per la maternita’. Gli artt. 24-28 (mini-Aspi) comporteranno inoltre una riduzione media dell’indennità spettante al lavoratore fino al 30% rispetto a quella attuale. E il nuovo sistema di calcolo dei contributi figurativi comporterà un forte taglio della prestazione pensionistica se non, addirittura, il mancato raggiungimento al diritto della stessa.

    LAVORATORI ANZIANI

    1) Alle aziende spetta uno sgravio contributivo del 50% (fino a 18 mesi in caso di conferma) per le assunzioni a tempo determinato di lavoratori con 50 anni di età anagrafica e disoccupati da oltre 12 mesi.

    2) Dopo aver cancellato la mobilità e varato a dicembre 2011 un allungamento abnorme dell’età pensionabile, ora il governo Monti tenta di correre ai ripari istituendo un «contributo» per permettere i prepensionamenti. Le aziende con più di 15 dipendenti potranno incentivare l’esodo di lavoratori che maturano i requisiti pensionistici entro 4 anni dal licenziamento, corrispondendo al lavoratore il trattamento di pensione, e dando all’Inps la contribuzione fino al raggiungimento dei requisiti. Ma sembra difficile convincere un datore di lavoro a farsi carico per 4 anni del pagamento della pensione dei lavoratori, contributi compresi, in maniera del tutto volontaria.

    CONCLUSIONE
    La riforma degli ammortizzatori sociali, dunque, presenta numerose lacune, è sostanzialmente un’operazione di tagli del periodo di copertura e delle indennità, e non prevede neppure sostegno economico per tutte quelle figure che oggi non ne hanno diritto.

    Questo disegno di legge Monti-Fornero serve in sostanza a quelle imprese che non hanno immaginazione né volontà tecnologica innovativa, e quindi puntano tutto sulla pura riduzione dell’occupazione e dei diritti. Così con l’art. 18 si renderanno più liberi i licenziamenti riducendo il lavoratore a pura merce; non verranno aumentati i posti di lavoro, e sono stati mancati gli obiettivi che lo stesso governo aveva inizialmente dichiarato, che erano quelli della riduzione della precarietà: un modo davvero singolare di rispondere alla crisi!

    Monti ha voluto imporre un ruolo residuale al sindacato, cancellando principi cardine della nostra Carta costituzionale, cercando di far passare l’idea che le forze sindacali non abbiano diritto a fare trattative. Ma per la rappresentatività che appartiene loro e per la consistenza degli interessi che rappresentano, i sindacati non possono essere messi al margine di un processo democratico: se si cancella il Novecento della giustizia sociale non si entra nel nuovo millennio, si torna solo all’Ottocento.

    Del resto le tre parole chiave annunciate dal governo Monti – rigore, crescita, equità – sono state declinate con rilievo molto diseguale: tanto rigore per i più poveri, poca crescita e scarsa equità, e mentre i Mercanti si nutrono ben pasciuti nel Tempio, agli umili è lasciata invece la solitaria disperazione.

    Il governo Monti deve voltare pagina, altrimenti è difficile vederne la differenza con chi l’ha preceduto. L’Europa di Merkel, Sarkosy e Monti, quella del rigore a senso unico verso i meno abbienti, dell’austerità di bilancio e della svalutazione del lavoro, ha portato l’eurozona alla depressione sociale, all’involuzione democratica e alla recessione con conseguente espansione del debito. Non era evidentemente “l’Europa sociale”, quella cui costoro facevano riferimento, non erano le solitudini, le fragilità, lo smarrimento di identità di chi rimane senza lavoro!

    Ma “l’arroganza precede la caduta”, come è scritto nella Bibbia, e ora questa nera Europa è uscita pesantemente sconfitta in Francia come in Grecia, in Olanda come in Italia, e i tempi sono finalmente maturi per una svolta che metta al centro il sostegno alla domanda interna ed una crescita sostenibile, il riequilibrio dei rapporti di debito e di credito intra-europei, una revisione dell’impatto recessivo del Fiscal Compact, vincoli alla finanza, un’imposizione fiscale improntata alla giustizia sociale e un piano di politica economica e industriale in grado di difendere l’occupazione attraverso investimenti pubblici nei settori strategici, nella difesa del territorio e dell’ambiente, nella ricerca e nell’innovazione di prodotto e di processo.

    Le forze politiche sinceramente democratiche e quelle di opposizione sono ora chiamate ad un energico impegno in Parlamento per modificare in modo sostanziale questa “riforma” del lavoro, facendo valere il proprio nuovo peso elettorale per non lasciare che lavoratrici e lavoratori vengano travolti da un’ondata di licenziamenti, da una diminuzione delle tutele nella disoccupazione e da un aumento infernale della precarietà, riportando indietro di decenni la civiltà del lavoro.

    Franco Pinerolo
    12 Maggio 2012

  13. L’essere inerme mi uccide dentro come mi ha ucciso il mobbing subito dalla ditta S.P.A. dove ho lavorato per cinque anni…mi assumero propio nell’ anno della l’inizio alla decadenza dell euro era il gennaio del 2000..le conseguenza di oggi partono da lontano dal 2000 e iniziata la discesa con la venuta dell euro..il 2004 già il lavoro era diminuito del 30% e gli ultimi a essere assunti dovevano sparire…risultato??? l aprile del 2005 non ne potevo piu dalle pressioni continue delle (ss) del (padrone) mi stavano addosso 8 ore al giorno…e cosi che arrivò la proposta (si la proposta) hanno comprato il mio licenziamento..dovevo prendere circa 5000 E di uscita..arrivai a 12000..E me ne andai..

    • Ehhh ne avevo chiesti 20mila…quando sento dire che gli italiani non hanno voglia di lavorare mi si rivoltano le budella…prendi 1000 e se ti va bene e paghi 500 di affitto…e tutto da rifare il sistema e saltato..abbiamo generato il mostro cinese e adesso vengono a comprarci…in contanti ahahah le sorti del capitalismo..

  14. Carissima, ti ammiro per la tua forza e coraggio. Io da 12 anni lavoro per una cooperativa sociale e prima di approdare qui sono stata ben 10 anni “disoccupata”. Lavoravo anche gratis nella speranza di qualcosa di concreto che purtroppo non c’è mai stato. Ora lo stipendio non è chissacchè ma almeno ho una busta paga. Purtroppo nel mondo del lavoro se non conosci ti offrono soltanto spazzatura e te lo dice una che ha sofferto sulla propria pelle questo schifo che purtroppo c’è in Italia.

  15. a me piacerebbe molto ,visto i tagli e le penalizzazioni che hanno fatto ai poveri lavoratori e pensionati ; che Monti e la Fornero facessero la fine di Biagi.tutti hanno diritto ad una vita dignitosa ,però secondo loro un giovane deve lavorare 10-12 oree al giorno x 6-7 giorni anche senza riposo x 500 euro al mese.E questa sarebbe la tanto decantata riforma Fornero.Si deve solo vergognare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...