Alla voce “Anima Gemella”

Nella mia Giulietta parlo molto d’amore, ed esprimo la convinzione che siano veramente poche le persone che incontrano l’anima gemella.  Tutte le altre relazioni sono nella migliore delle ipotesi amori tra anime compagne ma, nella maggioranza dei casi, forte comunione d’intenti, incontri fortuiti trascinati per pigrizia, situazioni di comodo o masochismo ostinato.
Ho chiesto su Facebook:

Quanti di voi pensano di avere incontrato l’anima gemella? E, tra questi, quanti condividono felicemente una storia d’amore con lei?

È un argomento su cui sono piuttosto critica, per tutte le bugie lunghe una vita di cui mi trovo circondata, per tutte le relazioni mediocri che producono un livello di bruttezza sociale soffocante, e per tutta l’ipocrisia petulante che colpisce chi fa scelte e percorre strade diverse.


Le risposte sono state più numerose del previsto, ma comunque non molte, e la mia posta privata di Facebook è stata inondata da storie d’amore bellissime.
Tutte le persone che sono convinte di avere incontrato l’anima gemella dicono di averla riconosciuta subito. E se in alcuni casi per “subito” si intende “dal primo bacio” o “dalle prime parole”, in altri coincide con “a prima vista”: lui che è su un tram, vede lei passare fuori dall’università, ferma il tram, scende e la raggiunge. Ad oggi hanno due figli bellissimi, sono una coppia che emana profumo di pane appena sfornato e biancheria pulita, e la loro appartenenza reciproca si avverte come se fossero vestiti di rosso in mezzo alla neve.

Ma non è andata sempre così liscia. In altri casi – meno numerosi – tra il primo incontro durante l’adolescenza e quello decisivo in età più matura, si sono frapposti anni, esperienze e incontri d’altro genere.
I punti focali sono coincidenze pazzesche, il riconoscimento immediato, il senso di appartenenza profonda e trascendente, l’incastro assoluto, la crescita comune. L’incontro spesso avvenuto al di fuori della propria comfort zone.

E poi ci sono le storie d’amore tra anime compagne, che sono le storie della vita di chi non crede nell’anima gemella o di chi sa che la sua strada è con quella persona, scelta e amata.
Ho trovato grande onestà nelle parole di chi mi ha risposto, e una forza di sentimento e di cammino condiviso che mi ha illuminato la giornata.
Poi, di sera, mentre stavo ancora riflettendo sulla rarità dei racconti che mi erano stati offerti, mi è arrivato il messaggio di chi – invece – l’anima gemella l’ha incontrata e perduta. Opzione che tendevo a non calcolare, che nella parte superficiale di me lasciavo ai codardi e agli incapaci. Ma non è così.

Allora: o mi sbagliavo e l’anima gemella non esiste; o esiste, ma bisogna essere intelligentissimi e cautissimi e psicologicamente perfettamente sani; oppure niente, bisogna viversela e sperare di avere culo, come per tutto il resto. È stata una carneficina.”

Perché c’è anche questa possibilità. Quella non solo della resa e della perdita: ma anche della carneficina. Penso (perdonatemi) ai Ponti di Madison County. Poi smetto.
E allora, forse, mentre io continuo a prendere appunti sulle vostre storie, penso che Daniele poteva non avere tutti i torti.

Annunci

3 thoughts on “Alla voce “Anima Gemella”

  1. Ricordo una serata a discutere in compagnia sulla questione. Un conoscente sosteneva che la persona con cui si sta è il miglior compromesso tra quello che si incontra e quello che si vorrebbe avere. Personalmente trovo che il cinismo insito in questo discorso sia molto legato alle sue esperienze personali e che se ognuno di noi inseguisse un ideale, hai voglia a correre. Non so se si può chiamare anima gemella, so che quando ho visto mio marito, sul palcoscenico sotto il tendone di un circo, ho pensato che aveva un sorriso da fumetto e uno così va conosciuto per forza.

  2. Io sono convinto di averla trovata, l’ho amata per molto e anche odiata, per il male che mi ha fatto tradendo me e la mia fiducia; tradendo anche la mia intelligenza e approfittando del mio amore incodizionato verso di lei (che evidentemente per lei era finito, ma che non riuscivo a vedere perchè certo del nostro amore).
    Poi, mi sono reso conto che l’ho tremendamente amata, ma non era abbastanza. L’ho tenuta e trattata come se “tanto lei e mia e nessuno me la porta via”, solo che così facendo, l’ho tradita io per primo, non trattandola e considerandola come meritava. Quando si dice dare tutto per scontato?
    No molto peggio, non era il dare per scontato, non mancavano le attenzioni, mancava un processo nell’essere più adulti, più di quanto a 25 anni evidentemente potevo essere, mancava un trattarla sempre come quello che si deve fare con chi si ama, mancava tenere tutto ciò che ci piace, ma sempre intorno a lei.
    Lei non ha cercato altro, si è semplicemente trovata a non avere nulla, a essere sola e quindi si è adattata, trovando oltre a me un’altra persona che potesse dargli ciò che non riuscivo nemmeno a capire che gli mancava.
    L’anima gemella, esserlo l’uno per l’altro, può non bastare.
    Noi eravamo perfetti… ma non è bastato.
    ora cerco qualcosa di più semplice, l’amore di una persona che amo, non sapendo e nemmeno chiedendomi se sarà o è già la mia anima gemella; però con un’approccio diverso, renderla la mia cosa più importante e mettendola sempre al centro del mio mondo.
    Cercando di essere il meglio per lei, rendendomi conto che non potrei potrei esser più felice. senza cercare le anime perfette, ma vivendo molto felici insieme, amandoci ogni giorno.

  3. Ps: mi sono reso conto che era lei la mia anima gemella al primo giorno.
    ora dopo 4 mesi mi ero reso conto di amare veramente la mia attuale donna.
    Non sò cosa sia meglio anima gemella o amore consapevole?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...