Donne ammazzate e uomini che dicono “Basta”

fiaccolata

Ieri sera sono andata al parco di Guardamiglio dove venerdì scorso è stata ammazzata Angelica Timis, una donna di 35 anni che lascia un figlio adolescente.
Ad ucciderla con dieci coltellate è stato l’ex compagno, che non accettava di essere lasciato. Da un anno la perseguitava, e persino l’amministrazione comunale di Guardamiglio si era mobilitata per aiutare la donna a trovare casa e lavoro, per poterle permettere di essere indipendente e più forte. Ma non è bastato.

Guardamiglio, il parco dove è stata uccisa Angelica

Guardamiglio, il parco dove è stata uccisa Angelica

Da quando so cos’è il femminicidio, è già il secondo dramma (QUI il primo) che vedo accadere intorno a me, vicino a casa, ma nonostante l’accanimento negazionista che si espone in modo sempre più evidente (ma a cui risponde in modo eccelso Loredana Lipperini in questo post di oggi), ho qualche riflessione positiva da fare in merito.
Come già avevo evidenziato nel mio pezzo (e nei commenti a seguire) sullo stupro, uno degli elementi che mi disturba maggiormente è la mancata presa di posizione di molti uomini.
Quelli che in pubblico si espongono in maniera seria e che contrastano nelle piazze sociali certi fenomeni di pensiero sono pochi, troppo pochi. Magari lo fanno se interpellati, e se ad ascoltarli o a leggerli ci sono donne: ma lo fanno poco tra di loro, o non lo fanno affatto. Purtroppo stupro, femminicidio, discriminazione, non sono un problema esclusivamente femminile (anche se il prezzo pagato lo è), e finchè non ci sarà in proposito un dibattito serio anche tra uomini non si potranno fare grandi passi in avanti: perché è l’uomo che segrega, violenta e uccide la donna in quanto cosa, oggetto, proprietà. È l’uomo che porta avanti un pensiero arcaico che alimenta certi fenomeni e crea il terreno fertile perché certe tragedie accadano. Talvolta – c’è da dirlo – con la connivenza di alcune donne che si fanno portatrici di una cultura introiettata e assimilata nel peggiore dei modi.
Ieri sera alla fiaccolata silenziosa in ricordo di Angelica c’erano uomini. Non molti, ma c’erano. Ed era la prima volta che ne vedevo.
La persona che ha cercato di fermare l’ex compagno di Angelica mentre l’accoltellava era un uomo, un giovane uomo di 16 anni, che ha trovato la freddezza di bloccare l’assassino, anche se ormai era troppo tardi.
Sono piccoli segnali, ma di fronte al nulla che li ha preceduti non è difficile percepirne l’importanza.
Spero con tutto il cuore che il silenzio smetta di essere per tutti una strada: per la società civile in generale (anche una fiaccolata silenziosa può essere un modo per espellere i fenomeni, per dichiararli nemici), e per gli uomini e le donne in particolare, ognuno per ciò che li compete e poi insieme.

Annunci

3 thoughts on “Donne ammazzate e uomini che dicono “Basta”

  1. Cara Elena, vedo che nessuno ha ancora commentato il tuo articolo e questo mi spinge a provarci. Non serve essere donne per dire BASTA ALLA VIOLENZA ed ALLA BRUTALITA’. Per affermare l’importanza dell’individuo e della persona, indipendentemente dal sesso, razza etc…. Non serve essere donne per essere vicine alle persone che hanno subito abusi e violenze. troppo spesso si leggono notizie di questo tipo, o si sentono alla televisione, e come sempre (per tutto) siamo abituati a “voltare pagina” – “girare canale” (incidenti stradali, ad esempio). Ancora una volta questo terribile omicidio nasce da un sistema sbagliato. Non si è trattato di un momento di follia (condannabile, deprecabile ma non prevedibile e quindi difficilmente eliminabile) ma di una azione mirata… premeditata, voluta probabilmente da tempo. Angelica aveva segnalato il suo disagio, il suo dramma e la società, le istituzioni, ma anche noi tutti non abbiamo saputo dare risposta ad una richiesta di aiuto che gli è costata la vita. La fiaccolata è un bel gesto, per ricordare questa giovane vita, per stare vicini a quanti soffrono ma serve qualcosa in più. Serve una società di UOMINI e DONNE che possa intervenire fornendo strumenti adeguati per prevenire ed evitare questi efferati omicidi. Serve una cultura diversa, servono persone diverse per evitare questi omicidi. Almeno questi!

  2. sono pessimista, il 90% di uomini nemmeno lo capisce il termine femminicidio, e vede le donne come puro divertimento o seconde madri. Parlano costantemente di calcio, culi e della loro carriera. E per molti l’aspetto inganna, la posizione sociale pura. Aggiungi che poi molte donne a volte sono contro ‘se la é cercata’ si dice, e altre pur solidarizzando scelgono uomini ‘simili’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...