Mio nipote ha imparato a prendermi per il culo prima ancora di imparare a parlare

Mio nipote ha imparato a prendermi per il culo prima ancora di imparare a parlare

Cerco di farlo addormentare, sono allungata accanto a lui che gioca. Man mano che gli si chiudono gli occhi, nascondo i giochi dietro la mia schiena, in modo da togliergli le distrazioni. Quando sembra sull’orlo del crollo, si rialza in piedi arzillo e – ridendo come un pazzo – recupera i giochi nascosti dietro la mia schiena e ricomincia a divertirsi. Come a dire: “Pensavi di avermi fregato, eh?!”
Ora, il poppante ancora non parla, ma sa benissimo sfottere. 15 mesi (mica è nato ieri, del resto) e gli sono già ben chiare l’ironia e il dileggio. Mi stupisce sempre vedere come ci siano sistemi di comunicazione primordiale che funzionano al di là della parole e dell’età. Continua a leggere

Il Primodonnismo maschile

Il Primodonnismo maschile

 

Per lavoro mi capita sempre più di frequente di avere a che fare con uomini appartenenti ad una fascia d’età che oscilla tra i 50 e i 70, e ogni tanto mi capita pure di dover provare sentimenti di profonda tristezza per alcuni di loro.
Accanto a coloro che sono soddisfatti della vita che hanno fatto e che fanno, ci sono quelli che devono essere invece piuttosto frustrati per tutto ciò che non hanno raccolto nonostante le (immagino) numerose semine. Nella logica della vita questo ci sta, ed è un rischio trasversale per censo, razza, sesso: ognuno di noi avrebbe probabilmente voluto di più dal suo passato, soprattutto se ha molto investito (altrimenti la frustrazione non avrebbe ragion d’essere, e dovrebbe essere sostituita da un bell’esame di coscienza).
Però le primedonne no, quelle proprio non si meritano comprensione, soprattutto quando sono maschi.
Il primodonnismo maschile è un peccato imperdonabile e una clamorosa gaffe comportamentale, uno sbugiardamento dell’insicurezza e dell’insoddisfazione.
Mi è capitato di imbattermi in professionisti che immaginavo persone serie e preparate per la posizione che li sapevo ricoprire, e invece mi sono ritrovata davanti a capricciosi quattordicenni coi capelli brizzolati più preoccupati di vendette di cortile e prese di posizione feudali anziché impegnati ad esercitare seriamente la loro professione.
Alla fine è la qualità del lavoro svolto che parla in vece nostra, non l’abilità con cui magari sferriamo ripicche di contrada o sceneggiate da travesta. Continua a leggere

La lotta di classe capovolta: oggi i ricchi fanno la guerra ai poveri

La lotta di classe capovolta: oggi i ricchi fanno la guerra ai poveri

Oggi ho deciso di celebrare il mio 11 settembre segnalando alcuni pezzi interessanti che ho letto in questi giorni: direttamente o indirettamente, legano questo anniversario (che è il quarantesimo del golpe cileno grazie al quale Pinochet cacciò Allende ed avviò il lungo periodo della dittatura militare e dei desaparecidos) alla volontà di analizzare la nostra storia economica e sociale di oggi.
Siamo in un momento storico in cui il ceto medio-alto si nutre come un parassita del ceto medio-basso e del suo torpore, con un opportunismo senza scrupoli che non pare avere nemmeno la lungimiranza di tenere l’ospite in vita per poter continuare a nutrirsene. Continua a leggere

Io odio il cancro

Io odio il cancro

Ci sono pensieri che non mi ci stanno nella testa, e il cancro è uno di questi. Non mi ci stanno sebbene ci abbia scritto un libro, e abbia passato gli ultimi due anni della mia vita a presentarlo in giro per l’Italia: un esercizio di esorcismo personale, una risposta alle mille domande che una risposta, di fatto, non ce l’hanno.
Nelle librerie, nelle biblioteche, nelle piazze, ci sono state persone che – a presentazione terminata – mi sono venute a raccontare la loro storia dolorosa, una lotta alcune volte finita bene, ma in molte altre conclusasi in un modo disperante.
Mi ricordo ancora di una bellissima donna sarda vestita di verde, che mi porse la sua copia di Giulietta e mi disse: “Scrivimi una dedica per mia figlia. Glielo farò leggere quando sarà guarita”.
Sua figlia aveva vent’anni, e non è mai guarita. Continua a leggere

Workshop: raccontare la vita e la morte

Workshop: raccontare la vita e la morte

Il 14 e il 15 settembre a Lodi ci sarà il Festival Noir, di cui ho già scritto sul blog di Brand-it-up.
Personalmente, domenica 15 alle ore 9 terrò un workshop alla bellissima Biblioteca Laudense sulla narrazione legata alla vita e alla morte.
Il workshop è stato voluto dalle Onoranze Funebri Dubbini, una giovane impresa lodigiana che ha deciso di dare spazio al racconto delle memorie, perché il ricordo vive nell’insegnamento che le persone lasciano dietro di sé.
Durante l’ora a mia disposizione spiegherò come la narrazione biografica abbia importanza non solo per raccontare ciò che accade e a chi sui giornali, nei libri e sui blog, ma anche nella cronaca nera e in tutto ciò che riguarda la fine della vita. Continua a leggere