Il Primodonnismo maschile

 

Per lavoro mi capita sempre più di frequente di avere a che fare con uomini appartenenti ad una fascia d’età che oscilla tra i 50 e i 70, e ogni tanto mi capita pure di dover provare sentimenti di profonda tristezza per alcuni di loro.
Accanto a coloro che sono soddisfatti della vita che hanno fatto e che fanno, ci sono quelli che devono essere invece piuttosto frustrati per tutto ciò che non hanno raccolto nonostante le (immagino) numerose semine. Nella logica della vita questo ci sta, ed è un rischio trasversale per censo, razza, sesso: ognuno di noi avrebbe probabilmente voluto di più dal suo passato, soprattutto se ha molto investito (altrimenti la frustrazione non avrebbe ragion d’essere, e dovrebbe essere sostituita da un bell’esame di coscienza).
Però le primedonne no, quelle proprio non si meritano comprensione, soprattutto quando sono maschi.
Il primodonnismo maschile è un peccato imperdonabile e una clamorosa gaffe comportamentale, uno sbugiardamento dell’insicurezza e dell’insoddisfazione.
Mi è capitato di imbattermi in professionisti che immaginavo persone serie e preparate per la posizione che li sapevo ricoprire, e invece mi sono ritrovata davanti a capricciosi quattordicenni coi capelli brizzolati più preoccupati di vendette di cortile e prese di posizione feudali anziché impegnati ad esercitare seriamente la loro professione.
Alla fine è la qualità del lavoro svolto che parla in vece nostra, non l’abilità con cui magari sferriamo ripicche di contrada o sceneggiate da travesta.
Personalmente amo andare alla sostanza delle cose, valutare le persone dai comportamenti che hanno e non da quelli che vantano: i numeri mi interessano poco se dietro c’è robetta da due soldi.
E mi trovo contenta a dover dire grazie solo a chi se lo merita, lasciando le primedonne a recitare sul loro palcoscenico di cartapesta stringendo in mano tre monete d’oro finto.
Grazie al cielo ci sono capelli brizzolati che crescono su teste di professionisti coi controcazzi con cui è meraviglioso lavorare e interagire, e dai quali si impara molto di più che lo squallido teorema dei dispettucci d’aia: se si sta attenti a far selezione, si può addirittura imparare la vita dagli uomini coi capelli brizzolati. Quelli veri.

eva_baldoria_drag_queen

Annunci

2 thoughts on “Il Primodonnismo maschile

  1. Il mio babbo e’ over 70, ha fatto il suo lavoro con impegno e dedizione e, come mi disse quando a 20 anni gli chiesi perché non avesse rincorso la carriera ” Sai per me figlio di agricoltori a mezzadria, credo di aver fatto dignitosamente la mia strada”
    I suoi capelli sono più bianchi che brizzolati e io sono molto fiera di lui che il primadonnismo non sa proprio dove stia di casa .

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...