Lavorare in ufficio fa male

working-from-home03

Da 7 mesi non lavoro più in un ufficio né per un capo, ma da casa e per i miei clienti, o per me stessa.
Sto lavorando molto, molto più di quanto avessi previsto inizialmente, più che altro per dare maggiore solidità all’attività di freelance: credibilità, portfolio, contatti, formazione, sono elementi che richiedono un investimento di tempo ed energie notevole, soprattutto in un sistema economico in grave crisi come quello italiano. Nell’ottica poi di preparare Brand-it-up e Brand-it-up Travel sia alla possibilità di restare qui che a quella di espatriare, la tipologia di variabili in campo si amplia moltissimo.
Lavorare molto, ma lavorare da casa, ha però degli enormi vantaggi: primo fra tutti, l’assoluta libertà di gestione del tempo.
Gli appuntamenti possono essere fissati a piacimento, le incombenze risolte senza l’incubo di orari e chiusure, il lavoro svolto anche di sera, se di mattina si è stati fuori per commissioni o impegni.
La cosa migliore, tuttavia, credo che sia la quasi perenne assenza della sveglia. Il corpo, alla mattina, si sveglia quando meglio crede. Alcune volte alle 6.30, altre alle 9.

Man working home
Questi 7 mesi di libertà e ritmo naturale mi hanno cancellato i vent’anni di stanchezza precedenti.
Sono sempre stata la regina incontrastata della pennica, potevo fare dei pisolini pomeridiani che duravano tre ore e poi di notte dormire ancora come un angioletto. Succedeva nei week-end e per tutte le vacanze che avevo a disposizione. Ora non riesco più.
Se dormo anche solo un’ora di pomeriggio, passo la notte quasi insonne: il mio corpo non ha più stanchezza arretrata da recuperare, né fisica né mentale.
Dico la verità: il pisolino mi manca perché ho sempre adorato dormire. Dormire mi aiutava a staccare, a rigenerare mente e corpo. Ora esco a passeggiare, incontro amici, cerco altri modi per allontanarmi dal pc e far riposare il cervello.
L’ufficio andrebbe dosato. Capisco che per certe mansioni e incarichi sia impossibile lavorare sempre da casa, ma le aziende italiane dovrebbero mostrare una maggiore elasticità, soprattutto nei confronti di certe figure che potrebbero tranquillamente operare da remoto qualche giorno a settimana.
Ne beneficerebbero le prestazioni, l’equilibrio psico-fisico e la predisposizione al lavoro, soprattutto per chi fa il pendolare o ha una famiglia.

work-from-homw
Capisco che le politiche del lavoro dei decenni passati e la mentalità italiana non favoriscano questo salto culturale. Assunzioni fatte irresponsabilmente in passato e una inadeguata gestione del personale hanno generato un certo numero di persone che in ufficio lavora poco: questo fenomeno, sommato all’attitudine “padronalistica” di molta della nostra imprenditoria, non aiutano.
Chissà se il baratro in cui il mercato del lavoro è precipitato favorirà una maturazione dell’approccio italiano alla questione (sia da parte dei lavoratori che dei datori di lavoro, perché la responsabilità è – a livello generale – condivisa).
Ce lo auguriamo tutti, perché la vita con una maggior elasticità di orari e luoghi è decisamente migliore.
Io non so più cosa sia l’ansia del lunedì. Lavoro SEMPRE anche il sabato e la domenica, Natale e Ferragosto, ma non sono stressata perché non ho necessità di concentrare gli impegni extra-lavorativi o le cose belle della mia vita in 48 ore: faccio tutto più o meno quando voglio.
Il mio corpo e il mio benessere approvano.

Annunci

5 thoughts on “Lavorare in ufficio fa male

  1. Lavoro in ufficio da circa vent’anni e mi ritrovo tantissimo in quello che hai appena scritto.
    Questa mail dovrebbe essere letta da ogni singolo imprenditore…….. Purtroppo questa tristissima realtà riguarda ognuno di noi e solo pochissime persone, come te, riescono a ribellarsi a questa cosa!…….. Un articolo molto bello. Fa riflettere. Ti conosco benissimo, ti ho sempre reputata una persona estremamente intelligente e ti stimo.

    Antonella

  2. Lavorando lontano da casa, passo la mia giornata tra scrivania e viaggi in treno e metropolitana. Sono in ballo circa 13 ore al giorno e la sera sono così stanca che non riesco più a scrivere (cosa che prima facevo e mi dava grandi soddisfazioni). Purtroppo il mio è il tipico lavoro da ufficio e non posso fare altrimenti … per ora, ma capisco benissimo come tu possa sentirti rinata. Lavorare per se stessi, piuttosto che per persone che ti spremono senza mai riconoscere il lavoro che fai, è il valore aggiunto. 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...