Il bello nel web esiste, e ve lo regalo per Natale

by Belette Rose

by Belette Rose

Il web è pieno di schifo perché la gente è piena di schifo.
Dopo cinquant’anni di bombardamento televisivo e di comunicazione univoca, cinquant’anni di un sistema che ha creato ed alimentato desideri deleteri e miti desolanti, miraggi legati a ricchezza e successo e fama, forme vuote, esistenze di nulla, è arrivato il web.
Finalmente un media dove l’uomo (inteso come essere umano) può dire la sua: dopo cinquant’anni in cui è stato costretto a sbavare dietro a qualcosa, desiderando tutto ciò che non aveva (oggetti, principalmente), ora l’uomo parla di fronte ad un pubblico molto più ampio di quello del bar dove andava a bersi il caffè negli anni ’80, e tira fuori il risultato di cinquant’anni di niente.
Finalmente può dire la sua a tutte quelle donne dai culi al vento e dalle grandi tette che gli hanno solleticato il testosterone o l’invidia senza motivo per decenni mentre mangiava la pastasciutta in famiglia, può sfogare la repressione per ciò che gli hanno insegnato a desiderare, può sentirsi una star anche se non ce l’ha fatta a entrare al Grande Fratello.
In molti casi lo fa usando una lingua pessima, carente delle più basilari regole di grammatica o punteggiatura, e se ne frega perché intanto è in bella compagnia (e comunque, che vuoi che sia).
Vorrei scrivere che sono stati cinquant’anni di forma senza sostanza, ma purtroppo anche le forme sono state deformate per camuffare il nulla che ci sta dietro, tanto che il silicone abbiamo cercato di mettercelo persino sull’anima.

politics
Il risultato è la violenza verbale, l’inadeguatezza dialettica, l’odio irrrazionale, quello facile e gratuito, a volto coperto. Un uomo nero che convive pacificamente col il pater familias, madri amorevoli che ospitano Saponificatrici di Correggio.
Una melma onnipresente e utilissima perché porta a galla il marcio senza necessità di risonanze magnetiche o di sondaggi anonimi: il marcio online si vede e, per coloro che volessero o dovessero occuparsene, è già una gran cosa.

by Maria Corte

by Maria Corte

Nel mio piccolo me ne occupo moderando sui canali dei clienti e a volte censurando sui miei personali, quando l’invito all’educazione, alla civiltà e soprattutto alla PROPORZIONE non sono sufficienti. Perché difficilmente è solo un fatto stile: la violenza verbale, le minacce, le brutture, l’odio feroce e ingiustificato nascondono non solo frustrazione, ma spesso (o forse sempre?) povertà morale, ignoranza, mancata evoluzione della specie.
Il mio antidoto è la selezione, e la mia timeline tende a ricompensarmi.

by Misao Kobayashi

by Misao Kobayashi

Il regalo di Natale che vi faccio è una piccola (piccolissima) raccolta del bello che ho trovato in rete ultimamente. Ve ne dono solo qualche assaggio, morsi di vita emotiva che parlano d’amore e di sentimenti sani, genuini, vissuti senza ipocrisia e senza la necessità di strappare like. Semplicità senza troppi artifici, momenti bui da cui imparare, progetti che si compiono, relazioni uniche, poesia, insegnamenti di cui andare orgogliosi. A volte, italiani che costruiscono la loro vita altrove ma che conservano forte l’amore per le radici.
Che il bello vi sia contagioso quando non è falso. Che il prezioso vi stia accanto quando è genuino.

 

 

Raffaella Amoroso

 

Luca Golinelli

Nunzia Cillo

Giovanni Calia

 

Daniele Pratolini

 

 

Raffaella Amoroso

Marilena Parenti

Davide Stroppa

Ellisa Motterle

Elena Braghieri

 

 

Francesca Cioccoloni

Annunci

6 thoughts on “Il bello nel web esiste, e ve lo regalo per Natale

  1. Non posso esprimere quanto sia onorato di essere nella lista natalizia di una persona così speciale come sei tu Elena. Il bello di viaggiare (e vivere) è la possibilità di incontrare persone come te e quel tizio tatuato in canotta che ti accompagna. Auguri bellezze! Smack!

  2. Grazie per gli auguri e per I pensieri.
    La mia regola quando scrivo e’ “Immagina che questo email sara’ letto dai tuoi cari, dai tuoi genitori e da un giudice in tribunale; se ti senti ancora ti spedirlo allora premi “invia”, altrimenti cambia l’email o cancella.”
    Ciao e Buone feste a te e ai tutti.

  3. Beh, che posso aggiungere? Forse solo che suscitare emozioni è sempre bello, soprattutto quando vengono da momenti che hanno emozionato te per prima. Sono felice di essere stata notata per quello che conta di più per me.
    Grazie. E tantissimi auguri a tutti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...