Nuovo talent show: alla ricerca di Atreiu per salvare l’Italia

la storia infinita

Leggo l’articolo di un’amica relativamente al libro “Kim Kardashian Selfish” in uscita per Rizzoli: 352 autoscatti della star statunitense di cui non si poteva certo fare a meno.
Insieme a molte altre, questa pubblicazione ha come sotto titolo “canna del gas”.

kimelephant
Se fossi nella dirigenza Rizzoli, preferirei chiudere piuttosto che sporcarmi il nome e la reputazione con il declino costante a cui stiamo assistendo da anni. Poi però penso ai dipendenti che lavorano in questa e in altre case editrici e ai conti che bisogna far quadrare per non lasciare anche loro in mezzo ad una strada.
La scelta di investire su un mercato editoriale diverso andava fatta vent’anni fa, prima di iniziare l’inesorabile discesa nel baratro, ma forse sarebbe stata una scelta a perdere: classe politica, televisione, scuola e società avrebbero comunque lasciato sole le case editrici a fare un lavoro donchisciottesco.
Mi domando quando Il Nulla ingurgiterà se stesso. Accadrà? Continua a leggere

Cuochi, estetiste o emigranti: ecco le speranze dei ragazzini italiani

Alexandra Ball illustration

Alexandra Ball

Ieri sera ero a cena con un’amica psicologa che si occupa, tra le altre cose, di fare dei test nelle scuole per capire l’orientamento culturale e professionale dei ragazzi. Principalmente ha lavorato, fino ad oggi, nelle scuole medie, ed è probabilmente prossima ad operare nelle scuole superiori. In un ambiente lontano dal contesto famigliare, di fronte a un valutatore, alla domanda: “Che studi hai intenzione di intraprendere per poter avere un lavoro una volta diplomato?” i ragazzi di terza media hanno risposto principalmente in tre modi diversi: Continua a leggere