Cuochi, estetiste o emigranti: ecco le speranze dei ragazzini italiani

Alexandra Ball illustration

Alexandra Ball

Ieri sera ero a cena con un’amica psicologa che si occupa, tra le altre cose, di fare dei test nelle scuole per capire l’orientamento culturale e professionale dei ragazzi. Principalmente ha lavorato, fino ad oggi, nelle scuole medie, ed è probabilmente prossima ad operare nelle scuole superiori. In un ambiente lontano dal contesto famigliare, di fronte a un valutatore, alla domanda: “Che studi hai intenzione di intraprendere per poter avere un lavoro una volta diplomato?” i ragazzi di terza media hanno risposto principalmente in tre modi diversi: Continua a leggere