Dagli 8 anni in su, ecco l’esperienza unica da regalare ai vostri bimbi

slavas-3

Tutte le volte che mi trovo di fronte ad un oggetto che vorrei tanto compare per uno dei miei due nipotini, mi sforzo di ricordarmi com’è la loro camera dei giochi e cerco con tutte le mie forze di uscire dal negozio senza comprar loro qualcosa che dimenticheranno dopo 3 minuti.
La quantità abnorme di giochi che possiedono rischia di far perdere significato a ogni regalo che possa diventare solo “uno dei tanti”, che manco poi magari si ricordano che a regalarglielo è stata la lontana zia Nena o il supermercato sotto casa con i punti fedeltà.
Anni fa ho iniziato a prediligere regali che avessero più a che fare con le esperienze che con le cose e, ora che Leonardo ha quasi 5 anni, sto iniziando ad adottare questa filosofia anche coi miei nipoti.
Per coloro che la pensano come me e hanno bambini al di sopra degli 8 anni, ho un consiglio che arriva davvero dal cuore: se volete regalare qualcosa di indimenticabile ai vostri figli, figliocci, nipoti, portateli a vedere Slava Snow Show a teatro.
Slava Polunin è un artista e un clown russo che ha dato vita a questo spettacolo pazzesco, estremamente scenografico, durante il quale nessuno degli attori proferisce parola ma dal quale escono tutti sbalorditi, adulti e bimbi. Lo spettacolo è muto, non solo perchè i clown per tradizione lo sono, ma anche perchè ci sono emozioni e sentimenti che accomunano tutti gli uomini del mondo, e il linguaggio del corpo è spesso universale. Continua a leggere

Mio nipote ha imparato a prendermi per il culo prima ancora di imparare a parlare

Mio nipote ha imparato a prendermi per il culo prima ancora di imparare a parlare

Cerco di farlo addormentare, sono allungata accanto a lui che gioca. Man mano che gli si chiudono gli occhi, nascondo i giochi dietro la mia schiena, in modo da togliergli le distrazioni. Quando sembra sull’orlo del crollo, si rialza in piedi arzillo e – ridendo come un pazzo – recupera i giochi nascosti dietro la mia schiena e ricomincia a divertirsi. Come a dire: “Pensavi di avermi fregato, eh?!”
Ora, il poppante ancora non parla, ma sa benissimo sfottere. 15 mesi (mica è nato ieri, del resto) e gli sono già ben chiare l’ironia e il dileggio. Mi stupisce sempre vedere come ci siano sistemi di comunicazione primordiale che funzionano al di là della parole e dell’età. Continua a leggere