ANARCHIA!

Jules Bonnot, morto

In questi giorni di bombe, anarchia e natale, voglio consigliarvi un libro che fa decisamente al caso: mai sentito parlare di Jules Bonnot? Pino Cacucci ne ripercorre la storia, il desiderio di felicità, l’intolleranza verso le ingiustizie sociali, la ribellione contro un sistema ipocrita e una politica crudele e insensata.
Jules Bonnot era un anarchico fracese: e fu il primo rapinatore a motore.
Rubava auto, e sulle auto rapinava banche e ville, colpendo con la sua banda la borghesia nel suo punto più debole: il denaro e la proprietà. Un Robin Hood moderno e poco nobile, ma altrettanto affascinante e appassionato.
L’anarchia, da sempre in bilico tra legalità ed illegalismo, tenta a ondate di uscire disperatamente dall’utopia, dimostrando di conoscere davvero poco la natura dell’uomo: che la lotta sia attraverso le parole o grazie alle pistole, il punto di scontro con la realtà è sempre urticante.
Come ogni movimento profondamente ideale, l’anarchia seduce, conquista: e talvolta uccide.
Perché è una strada che non lascia via di scampo, e ha il calore delle cose giuste, assolute, e perdenti.
Al di là dei trattati storici e filosofici, “In ogni caso nessun rimorso” è una bella storia di sogni anarchici e battaglie reali, amori falliti e vite perdute.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...