I fallitissimi (laureati e non)

Andare contro i propri talenti è sempre stato deleterio, eppure lo si è sempre fatto: in nome del profitto, dell’opportunità, dei sogni degli altri. Dopo una breve parentesi in cui sembrava doveroso potenziare le nostre qualità e lasciar perdere le nostre debolezze, oggi c’è una nuova tendenza: la laurea karmica. Sì perché in alcuni casi si sceglie una facoltà che possa esorcizzare le nostre inettitudini.La metà dei laureati in psicologia che conosco ha intrapreso quel cammino partendo da una tara da risolvere: il compulsivo dell’igiene, la bulimica, il frustrato dalla mamma, la paranoica perseguitata, l’inguaribile narciso, la tragica ipocondriaca, e così via.
E i laureati in comunicazione invece? Mi è capitato di conoscerne alcuni che, povera me, pensavano di stringere in pugno l’arte del marketing mentre in realtà cercavano inconsapevolmente di emergere dalla sindrome adolescenziale dello sfigato, quello che non si filava nessuno.
Ne conosco una che quando ti parla è talmente noiosa, pedante e prevedibile che a metà discorso tu hai già capito dove sta andando a parare e puoi utilizzare il tempo residuo in attività collaterali ben più fruttifere (manicure, filo interdentale, iPod e così via). L’importante è non farle mai notare che con la sua laurea ci si può pulire i piedi, perché se solo osi interromperla si rivolta come una vipera calpestata intimandoti: “Lasciami finire!”. D’altra parte non deve essere affatto facile accettare che non basta una laurea per la redenzione.
Forse a volte, per evitare il ridicolo, basterebbe un po’ di umiltà nel riconoscere i propri limiti, perché non è sempre colpa del destino infame, dei raccomandati, delle parentopoli o della scarsa lungimiranza del mercato o degli scounter: certe volte siamo noi a non avere il talento necessario.
Quando vedo su Facebook un amico promuovere la sua attività collaterale di grafico free-lance attraverso un sito che nemmeno una tecnolesa come me oserebbe mandare on-line, mi rammarico per lui e per la figura di merda colossale che fa ogni giorno: nemmeno i cantanti napoletani neo-melodici che van per matrimoni gli chiederebbero una copertina di CD.
Il bello è che questi fallitissimi sono estremamente convinti di ciò che sono, di ciò che valgono e di quello che sanno fare. Beati loro.
Qualcuno però gli dica che esserne convinti non sempre basta.


Annunci

7 thoughts on “I fallitissimi (laureati e non)

  1. Pingback: Tweets that mention I fallitissimi (laureati e non) « Elenatorresani -- Topsy.com

  2. I FALLITISSIMI

    “Andare contro i propri talenti è sempre stato deleterio, eppure lo si è sempre fatto: in nome del profitto, dell’opportunità, dei sogni degli altri.”

    Brava Elena, hai proprio messo il dito nella piaga!
    E’ proprio partendo da questo incipit che per anni eserciti di genitori, interrogandosi sul futuro dei propri figli, hanno saputo trovare risposte ADEGUATE SOLO A QUESTI PARAMETRI: profitto per l’immediato, opportunità di carriera e propri sogni (facendosene un baffo di quelli del figlio).
    Se allora queste considerazioni potevano anche apparire logiche, oggi denunciano tutta la loro fragilità. In un mondo sempre più competitivo le opportunità di carriera sono riservata solo a chi eccelle veramente (a differenza di una volta!), quindi perseguire il profitto immediato alla lunga può facilmente essere deleterio, e lo è sicuramente se calpesta completamente le naturali inclinazioni ed interessi del figlio…
    E hai ragione: la laurea non basta alla redenzione, anzi in taluni casi diventa un’aggravante… comica, nel migliore dei casi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...