Con le donne là fuori

Dalì

Questa non è una festa della donna come tutte le altre. Perché dopo che siamo scese in piazza, il 13 febbraio scorso, per darci voce, qualcosa è cambiato. Quella manifestazione ha smosso la mia terra interiore, ha lasciato tracce, impronte e indizi che chiedono di essere seguiti.
Oggi sono in ufficio, col mio gigantesco fiore rosa appuntato alla camicia e la mente alle donne che con il comitato “Se non ora quando” stanno cantando e chiedendo, ancora una volta nelle piazze.

John Currin

Perché chi non lo sa lo deve sapere, che là fuori ci sono donne che stanno rivendicando per noi i diritti mancati: nel lavoro, nella società, nella famiglia. E bisogna dir loro grazie: perché alzano il culo e riempiono la città di voci e colori anche a nome di chi resta sul lavoro o a casa.
Noi donne italiane, soprattutto, che non abbiamo ancora avuto l’onestà (o il coraggio?) di chiedere aiuto alle istituzioni con politiche economiche e sociali che supportino il nostro ruolo complesso, dovremmo raccoglierci attorno ai palchi, ai banchetti, ai comitati. Perché l’8 marzo sia un momento di raccoglimento, di forza e di inizio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...