Ero leghista (ovvero: i calori della gioventù)

Ero giovane, immortale e tutta carica di ormoni e impellenze bianche e nere. Avevo le mani piene di verità e convinzioni inespugnabili. Ed ero leghista.
Perché essere leghisti vuol dire soprattutto esserne convinti.
Venivo dalla realtà operaia delle nebbie, cresciuta con due genitori che lavoravano 60 ore a settimana ciascuno: l’idea che potesse esserci un movimento politico fatto di persone semplici, vere, determinate a combattere la “Roma Ladrona” sembrava una buona soluzione all’emorragia di denaro che arrivava nella capitale e magicamente scompariva. Sembrava persino bella, e giusta, la voce che si alzava dalla pianura contro le genti inoperose del sud (perché è dimostrato che più ci si avvicina all’equatore e più la percentuale di fancazzisti e furbastri inspiegabilmente aumenta: sarà la bio-fisica del calore? Verità che, allora, parevano inespugnabili). Continua a leggere

Annunci