L’insopportabile lamento dell’inetto.

Sarò anche sociopatica, non dico di no, ma tra le tante persone che non sopporto ci sono sicuramente i culi di piombo. Non parlo necessariamente dei pigri (dato che io sono una degna e titolata rappresentante della specie, nonché regina indiscussa della pennica d’alto livello), ma di quelli che hanno il coraggio di lamentarsi continuamente di ciò che non tentano poi nemmeno di cambiare.
A dire il vero trovo mortalmente fastidiosa anche l’inedia mentale alla Jeffrey Lebowski, ma la cosa che mi manda in bestia sono le lamentele degli inetti che rompono le palle al prossimo: perché fanno sempre la solita vita, perché vedono sempre la solita gente, perché si annoiano e tutto intorno fa schifo, governo ladro! E poi, non appena gli proponi un cambiamento, un impercettibile cambio di rotta, una serata diversa, un leggerissimo movimento mentale o un più deciso movimento di culo, ti trovi sommersa dalle sventure più fantasiose. Perché sono pochi gli onesti che ti dicono: “Non ho voglia”, e nessuno che promette: “Guarda, giuro che non mi lamenterò più perché la mia merda di vita in fondo mi va bene così”.
La maggior parte della gente inscena decessi di congiunti, gastro-enteriti fulminanti, impegni improvvisi e improrogabili, catastrofi metereologi che inenarrabili ed epidemie colossali: le sette piaghe d’Egitto non sono niente al confronto.
Le strade sono due: o decidete che le vostre vite in realtà vi vanno bene come sono, oppure ammettete di essere talmente mediocri da non provare nemmeno a cambiare ciò che non vi piace.
L’importante (l’unica cosa DAVVERO importante) è che la piantate di sfrucugliare le palle al prossimo.

Annunci

3 thoughts on “L’insopportabile lamento dell’inetto.

  1. Non credo sia sociopatia.
    Spesso ci si avvale della facoltà di scaricare l’insofferenza individuale sul tempo, sugli amici, sulla società, sull’universomondo; aspetti che girano vorticosamente attorno a noi e che in realtà non riusciamo a comprendere.
    La causa dello stallo risiede nel fatto che esso è la soluzione!
    La soluzione a cosa? Nella stragrande maggioranza dei casi nella paura del NUOVO…! Nuovo? Novità? Cose non ancora viste? Cose non ancora conosciute?… CHI SONO MAI COSTORO?
    Perché mai tutto deve scorrere? Perchè tutto deve cambiare? Eraclito…prrr! Perché mai, se è possibile anche viziarsi vigliaccamente, rinchiudersi orgogliosamente in un piccolo asfittico mondo antico, antichissimo, però tenuto bene, molto trendy!
    Vai via straniero!
    Vai via… viaaaa!… che adesso è ora di cibarsi di un bel pò di tv trash!…mmm… che goduria!
    … a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...