Più cancro per tutti.

Ricordo ancora quando mi arrivò un sms da un numero sconosciuto con scritto: “Facciamo pulizia! Vota Lega!”. Non si parlava di nettezza urbana, no. Eravamo in campagna elettorale per le comunali, nella piccola città di C., e la coalizione di centro-destra riuscì a spodestare il PD all’urlo “Riprendiamoci casa nostra!”.
L’elettorato di pancia (quello che mette la “x” sulla cartella elettorale sull’onda di moti viscerali, per dirla con eleganza) era stanco di confondere la piazza della piccola città di C. per il centro di Kabul, e così diede la preferenza al beneamato Sindaco di cui vi ho già raccontato. I suoi coetanei lo ricordano ancora, quando all’oratorio giocava a calcetto con i pantaloncini tirati fin sotto le ascelle, o quando in chiesa si sedeva sempre a destra perché “con la sinistra non voleva aver niente a che fare”. Aveva già le idee chiare il nostro Sindaco, fin da piccolo: fanatiche e chiare.
E se un uomo si giudica dalle opere, anche oggi, a mandato ampiamente avviato, stiamo messi davvero male. C’è di buono che l’unico punto programmatico della coalizione vincitrice – la fantomatica “pulizia” – è stato mancato, e lo sarà fino a quando non verranno reintrodotte le leggi razziali.
In compenso, il nostro dickensiano Sindaco sta valutando di valorizzare il territorio  non opponendo la minima resistenza all’insediamento di uno stabilimento per il trattamento di acque e fanghi di scarto di provenienza industriale (chimica, farmaceutica ecc). Dai dibattiti balbettanti che sono emersi, pare che le implicazioni ambientali e l’impatto sul territorio non siano esattamente di poco conto. Il tutto per cosa? Ben (attenzione, attenzione!) 30/35 posti di lavoro.
Orbene, non sappiamo proprio se la Elcon (la società israeliana titolare del progetto) abbia intenzione di elargire altri benefici o “indennità” per ingraziarsi la benevolenza del territorio (o dei suoi politici) ma, di fronte ai rischi, per ora il territorio alza un grandissimo, enorme, fantasmagorico dito medio.
Il lodigiano è già in testa alle classifiche nazionali per incidenza tumorale: vogliamo metterci un’altra bomba sotto il culo? E’ una verità ineccepibile che dare potere e strumenti alla pochezza e alla miseria intellettuale comporti dei rischi enormi, ma davvero gli abitanti della piccola città di C. sono pronti a svendere la loro salute e la loro sicurezza tanto per avere uno sbandieratore razziale come guida del paese?
Un immigrato in meno vale davvero un cancro in più?
Poco ci importa se “The Genius” (titolo meritatissimo, dato che non ne azzecca una, poveri noi) andrà in missione ad Haifa per valutare il progetto Elcon “da vicino”: sarebbe capace di tornare nella piccola città di C. con una proboscide rosa al posto dell’occhio destro e dire “tutto bene, l’impianto è sicurissimo”.
Non so se la gente imparerà mai che dare un voto a cazzo è sempre rischioso, e che certi leader non valgono un’idea (sbagliata o giusta che sia). Nel frattempo, noi che non lo abbiamo votato e che vogliamo una politica costruttiva e di valore per il nostro territorio, daremo battaglia. Perché la “pulizia” vera è quella contro le idee malsane, le false propagande, le politiche distruttive e il vuoto mentale.

Annunci

2 thoughts on “Più cancro per tutti.

  1. Essendo residente in altro Comune non ho potuto “non votare il suddetto”, ma avendo a cuore C. mi trovo assai imbarazzato nel constatare la pochezza … per altro di persona che non solo ha studiato, ma insegna (o almeno insegnava) agli altri in un istituto tecnico !!!! Non era la sua materia evidentemente, ma chiedere ad un collega, o semplicemente ad uno studente che schifezza vorrebbe portarsi a casa ????

    PS brutta l’ultima foto!
    Roberto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...