E finalmente Mantova.

Daniele Bresciani introduce Margaret Mazzantini

Mantova quest’anno ci ha accolto con un caldo quasi insopportabile, facendosi perdonare solo grazie alle parole che ha lasciato fluttuare in ogni angolo della città con orgogliosa noncuranza.
Abbiamo passato ore in coda, pagando lo scotto per aver perso le prenotazioni on-line, seduti sui sassi dei cortili di Palazzo Ducale, contemplando la bellezza dei palazzi intorno e perdendoci in chiacchiere bruciagola fino all’imbrunire.

Aspettando Margaret Mazzantini

È stato schiacciacuore ascoltare la Mazzantini parlare dei suoi libri: questa donna circondata da centinaia di lettori, che molti definiscono fredda e antipatica, a me risulta sempre capace di una poesia verbale rarissima e travolgente. E il mio cuore ha perso un battito sentendo che tra poco uscirà un film dedicato a “Venuto al mondo” e girato in parte a Sarajevo.

Ho trovato quasi tutto per errore, non ho mai pensato. Devi fidarti di ciò che non conosci”

“Sono tornata a casa da Sarajevo e ho pensato: non ce la posso fare, non ce la farò mai. Poi ho provato”

Parlando di Penelope Cruz, protagonista di “Non ti muovere” e del prossimo “Venuto al mondo”: “E’ capace di spogliarsi di tutto e di essere miserabile. Ama il fango”

Margaret Mazzantini, 10 settembre 2011, Festival della Letteratura di Mantova

E poi, perdendo Severgnini e Gratteri per questione di tempo (ma fortunatamente li avevo già ascoltati al Festival del giornalismo di Perugia), siamo volati da Caterina Cavina (giornalista e scrittrice, autrice – tra gli altri – di “Le ciccione lo fanno meglio”) e Lorella Zanardo (autrice del video “Il Corpo delle donne”). L’incontro dedicato all’attuale violenza sulle donne è stato capace di sviscerare in un’ora soltanto, grazie all’esperienza e all’ironia della Cavina e alla grande preparazione della Zanardo, la situazione tragica delle donne italiane.

Caterina Cavina - Annamaria Crispino - Lorella Zanardo

Non dimenticando i libri della Murgia e della Soffici di cui vi ho parlato qualche tempo fa, ho ascoltato con persistente sgomento la descrizione del nostro panorama nazionale: l’assenza di capacità di reazione, l’assenza di un’agenda politica e sociale dedicata ai problemi di genere, i tagli sociali di cui ci dobbiamo fare carico, la ricerca deleteria del consenso sociale, l’incapacità di dire no.
E mentre la Cavina sottolineava il fulcro della questione identitaria (“prima di essere grassa sono molti altri aggettivi”) e invitava al rifiuto categorico degli stereotipi (“siamo noi a scegliere ciò che vogliamo essere”), la Zanardo proponeva non solo l’atto rivoluzionario di spegnere la televisione o una doverosa educazione alla visione critica, ma invitava le donne italiane sopra i 60 anni (che rappresentano l’unico vero welfare nazionale) a scioperare un giorno, un giorno solo, e mandare la società in corto circuito: per niente altro che non sia, almeno, un doveroso grazie che lo stato non ha mai detto loro.

Una galleria d'arte del centro di Mantova (senza esposto il nome dell'artista)

Il tutto senza dimenticare i ragazzi, quegli adolescenti che rivendicano l’assenza di una figura maschile di riferimento valida in questo paese miserabile: esigenza che quasi sparisce di fronte alla situazione tragica delle loro coetanee, ma che loro rivendicano a gran voce durante gli incontri e dibattiti che la Zanardo tiene nelle scuole.
E poi si è fatta sera, e con la gola in fiamme, i piedi dolenti e l’anima gonfia, siamo rientrati nella Piccola Città di C., con la promessa di rivederci nel 2012: chissà se ce la faremo a prenotare on-line l’anno prossimo, per la miseria.

emblematico

Annunci

7 thoughts on “E finalmente Mantova.

  1. Io e mio marito l’abbiamo spenta la televisione. Subito, per caso: si era bruciato qualcosa nel decoder. Poi ci siamo accorti non solo di evitare la tentazione di far accendere quella lucina verde che introduce a un “mondo di vedere” falso, bugiardo, distorto, malsano e tutto il resto che sappiamo, ma anche che il tempo dedicato alla tv, così annullato, lasciava spazio, nell’animo, a tutto il resto (parole, nostre, dei libri…), senza schizofrenia, senza ansia di perdere chissà qualche altra merda mediatica. E siamo tornati a un cervello disteso, disintossicato. E le informazioni le LEGGIAMO, altrove, senza esserne bombardati. Abbiamo deciso di farci togliere l’antenna, da quello stesso antennista che l’ha messa su solo pochi mesi fa, dopo il trascloco…per non cadere in tentazione…e non dover pagare il canone senza uso… Santo il fulmine che ci colpì! :))

  2. p.s. e anche noi, come la zanardo, l’abbiamo pensato come l’inizio della nostra intima rivoluzione… da quanto siamo stufi e schifati di tutto…e visto che però non abbiamo tempo di “agire fuori” in alcun modo…mangiati dal lavoro e poco più.

  3. Cara Elena, è da un po’ che ti seguo (soprattutto tramite Facebook) e ti trovo interessantissima. Stasera sto arricchendo me e la mia serata con un bel viaggio sul tuo blog. E ora che ho scoperto che anche tu ami Margaret Mazzantini – che per me è una spanna sopra a tutti e mi viene una rabbia per i tanti (troppi) che le riservano solo parole di derisione – te lo devo dire: TI ADORO 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...