Salone del Gusto, Torino 2010

Il Salone del Gusto 2010 di Torino promette sensazioni paradisiache per il palato e corsie da girone infernale per l’affollamento: chi lotta per raggiungere gli stand, orientandosi nella calca, viene effettivamente premiato con mille prelibatezze. Continua a leggere

La contrada dei morti

Non avrei mai pensato di trasferirmi dalla periferia residenziale, abbandonando le villette a schiera con nanetti di terracotta e prato inglese, nelle claustrofobiche strade del centro storico.
Invece, quando accadde, scoprii piacevolmente la poesia dei pertugi.
Piazzando la mia residenza nella centralissima Contrada dei Morti, i primi odori di benvenuto sono stati quelli delle cacche di piccione e del piscio di cane, perché la Contrada è stretta e incazzata: l’aria fatica ad entrare. I cortili del dopoguerra si affacciano in fila attraverso piccoli portoni, che nei giorni di cattivo tempo diventano bocche gelide e sventrate: il vuoto dell’incuria vomita pioggia e vento, all’improvviso, rivoltando ombrelli, sollevando gonne.
La Contrada è una via di madonne dipinte, e di vecchi. Continua a leggere